Tag Archives: Twitter

#Occupygezy: Chronicles from the Frontline

Tonight I want to handle for the second day in a row with what is happening in Turkey. I had the chance to meet in Twitter a few months ago Tuğçe Çolak, a Turkish student of the Galatasaray University living in Istanbul. She is deeply committed to the protest movement and sometimes she gave me some updates about the situation, so I asked her to write an article on this blog:

Tuğçe Çolak
Tuğçe Çolak – https://twitter.com/tugcecoIak

The municipality of Istanbul was working on a pedestrian road in Taksim square,to make the road larger.There is a park,named Gezi,next to the road.One day workers of the municipality wanted to cut the trees of Gezi park cause make larger the road.This Project announced by the municipality but no one have not said that they could cut the trees. Even oppositions parties-CHP,MHP,- Which approved this work, have not known something like that. The people have got angry and wanted to show their reactions, they have wanted to say “we will not let you to cut trees in here”. Some people thought that the government can build a hotel or quarters here and opposed that. They have met in Gezi Park and they set up tends,read the books,made musics,sang songs. No one have not do something wrong and the reactions of them was so legally.That was at evening of 30th May.

These people have woke up with polices attacks.Police squeezed them toxic gases and water cannon.Also some of the polices have imposed violence the protesters,hit them with a baton.

The people who have heard these, have gone to Taksim immediately.

Any channel did not broadcast these events.

Then,prime minister of Turkey have spoken about Gezi Park.He said that no one can stop us, we will build whatever we want.At this time, the Court of Cassation has stopped the working of pedestrian road or building something else in Gezi park.but prime minister has wanted to show all of us he can do whatever he wants,even the others government agencies says opposite.

There were some protesters who have attacked to the polices but there were many injured people from protesters. Polices have not let the ambulance to get Taksim, and some volunteers doctors have gone to Taksim and tried to help to injured people.Now, the ministry of health has sued these doctors,some of them are just students in faculties of medicine.

Police have stepped back from Gezi park completely at the evening of June 1th.

Many of shops were close and just people have been walking down the Taksim square.There was no car,just people were walking and shouting slogans like resign Tayyip. There were some musicians there and they have made great musics with their instruments. Despite the different ideologies, many people were together there.

People, all around the Turkey have wanted to show their same actions with peoples who were in Taksim. They have shouted slogans and make noises with their pots and spoons every evening at 8 pm. This was amazing. At Besiktas – a big county and close to Taksim – people have walked together and it was very crowded. Police attacked them.There were fires and again some injured people. Police attacked them because there is a hotel in Besiktas which contains the special staying room of prime minister Erdogan, and also build by some companies which related with Erdogan .Police were afraid of that the people could damage the hotel and attacked.

On the 5th day,people have decided to meet just in Gezi park. In there, there were not polices. People have eat something together, sung dongs and helped together.

İt was a little look up to Gezi park and turkey.  There are so many things to tell but there are some different sources which give us different news. Its hard to be sure that everything we have heard was true. You can follow these blog and see some photos from here: http://occupygezi.blogspot.com/ .

This slideshow requires JavaScript.

#Occupygezi: what is going on in Turkey?

The Western Medias use to be sensationalist about every type of movement or protest. A few months after the Arab Spring, something else is changing in the countries bordering the Mediterranean Sea.

Less than a week ago The Economist wrote a short editorial about #occupygezi and the actual Turkey’s troubles. I have asked what is happening to my friend Çağla Balaban, a Turkish student:

To answer your questions on what’s going on in Turkey:

#occupygezi protests in Turkey are not about just a park; they are about freedom, rights and liberties, representation, separation of powers, responsible foreign policy, human rights, gay rights, women’s rights, environment, animal rights, university autonomy, separation of religion and state, free media, respect for our cultural and historical heritage, respect for our way of life, honoring Ataturk and our founding fathers/mothers, transparency, science and arts, plurality, peace, democracy, empathy, sympathy, solidarity, youth, a better future for ourselves and our children and yes, preserving a beautiful public park at the heart of Istanbul.

It is an above politics, nonpartisan, spontaneous peaceful people’s movement.

occupygezi+protest+turkeyI consider the presence of several points of view about what happens all around the world as a great opportunity offered by the web. In this case, I would share with you my friend’s feelings on this delicate issue because I’m aware that usually people don’t have the chance to have a direct overview on this situation.

You can find more contents about this topic just checking out the hashtag #occupygezi on Twitter.

Carriere nell’Unione Europea: alcuni preziosi consigli su come trovare la propria strada

Interessati alle carriere nell’Unione Europea, molti di voi probabilmente hanno ricercato diverse volte informazioni su esami, concorsi, tirocini o contratti. Un sito a cui mi sono affidato diverse volte è Online Eu Training nel quale è possibile trovare diversi webinar e materiale per prepararsi al meglio per questo genere di selezioni.

Le indicazioni fornite nel corso dello scorso mese di maggio da Andras Baneth sono senza dubbio molto preziose e un’ottimo spunto di riflessione sulle carriere nel quadro degli affari comunitari.

Il percorso da svolgere, quindi, prima di intraprendere un percorso negli EU affairs prevede:

  1. Innanzitutto è necessario capire quale sia il tipo di lavoro più adatto alle proprie caratteristiche e aspirazioni.
  2. A questo punto è necessario conoscere i metodi di selezione del personale. Per esempio, le istituzioni comunitarie ricorrono quasi sempre ai test EPSO, mentre le Agenzie a una selezione sulla base del curriculum.
  3. Scegliere un lavoro che permetta di progredire in un mix equilibrato tra sfide e competenze.
  4. Scegliere un lavoro che renda felici sulla base di quelle che sono le proprie aspettative.
  5. Ottimizzare i propri sforzi: scegliere un profilo specializzato per il proprio ingresso nel settore più consono.
  6. Esercitarsi in modo da conoscere a menadito  la metodologia d’esame.
  7. Fare un piano di studio composto di scadenze entro cui completare lo studio in maniera individuale o di gruppo.
  8. Candidarsi laddove si hanno le maggiori possibilità di avere successo.
  9. Definire chiaramente i propri obiettivi professionali.
  10. Preparare attentamente il dossier di candidatura con riferimento alla propria posizione geografica.
  11. Il layout e il contenuto del curriculum.
  12. Elementi extra vari (es. il giorno di invio della candidatura).
  13. L’importanza della fortuna.
  14. Minimizzare il rischio.

Per chi volesse approfondire ulteriormente l’argomento, riporto di seguito il webinar integrale:

Infine, è disponibile un riassunto dell’intervento in inglese sulla pagina di EuTraning.

Ecco alcuni siti utili per trovare offerte nel settore degli European Affairs:

Consiglio inoltre di tenere monitorati diversi gruppi di Linkedin e profili di Twitter specializzati nella discussione di tematiche inerenti a questo tema, piuttosto che nella pubblicazione di offerte di lavoro.

In particolare:

Potete inoltre utilizzare social network più specializzati o altri canali privilegiati per questo tipo di discussioni.

 

 

Strumenti SEO disponibili per chi usa Google Chrome – parte 1

Grazie alla sua rapidità e al suo semplice utilizzo, il browser Google Chrome ha saputo in questi ultimi anni affermarsi e oggi continua a conoscere una buona espansione grazie alla sua duttilità. Tra le estensioni che possiamo ritrovare nella sezione chrome://extensions/ alcune riguardano l’attività di Search Engine Optimisation. In questo articolo mi occuperò di fare una breve recensione dei plug-in che ho sperimentato in quest’ultimo periodo:

SEO for Chrome (3,5/5)

SEO for Chrome

L’estensione SEO for Chrome – creata dagli australiani Marketingabuse.com –  offre senza dubbio una panoramica generale delle funzioni che possono trovare applicazione nel posizionamento organico di un sito internet nelle SERP. In particolare, troviamo indicazioni in merito a:

  • Backlinks, il numero di link che rimandano al pagina che si sta visitando rilevati da Alexa, Google, MajesticSEO, Open Site Explorer e Yahoo Site Explorer.
  • Statistiche realtive ai Social Media, il numero di preferiti/condivisioni che un sito ha ricevuto da Twitter (tweet), Facebook (like), Delicious (bookmarks), Digg (diggs), Google (buzz) e StumbleUpon (Stumbles).
  • Pagine indicizzate,il numero di pagine indicizzate nelle principali SERP, ovvero Ask, Bing, Google, Yahoo, Baidu e Yandex.
  • Statistiche relative al traffico, il volume di visite ricevute dal sito secondo Compete.com, Google Ad Planner e Quantcast.
  • Statistiche relative al PPC e all’Organic Search, per comprendere la competitività di una pagina rispetto al pay-per-clic e il suo posizionamento organico, in particolare con riferimento al traffico di ricerca, parole chiave ricercate, budget PPC, traffico PPC e keywords PCC.
  • Cache, permette l’accesso alle versioni cache del sito attraverso Archive.org, CoralCDN, Google, WebCite.
  • Informazioni varie onsite (HTTP Status, Robots.txt e Sitemap.xml) e sul dominio (DNS, indirizzo IP del server, localizzazione del Server location, Whois).

Questo plug-in è uno strumento prezioso per principianti che vogliono approcciarsi all’insieme delle potenzialità della SEO e ne vogliono comprendere il significato – nonché l’utilità. Tuttavia, molte informazioni non sono disponibili per domini di secondo o terzo livello, rendendo così la sua operatività limitata per tutto ciò che è gratuito all’interno nel mondo dell’hosting. Inoltre, pare che l’applicazione non sia stata sviluppata negli ultimi due anni, data l’importanza accordata ad alcune SERP, alcuni social, ma soprattutto per i frequenti bug che si incontrano qualora si cerchi di andare più a fondo nell’analisi.

Pur non avendo la capacità di rappresentare uno strumento professionale, SEO for Chrome è un’applicazione molto utile per muovere i primi passi a livello amatoriale.

Giudizio Chrome Web Store: 4/5.

Mio giudizio: 3,5/5.

Website SEO Analysis and Reviews (1/5)

Website SEO Analysis Review Chrome Plugin

Il plug-in Website SEO Analysis and Reviews realizzato da appspyre.com consente di creare dei report relativi alla pagina internet che si sta visitando. Il menu che si apre cliccando sull’icono che riporta il PageRank della pagina apre una barra laterale in cui è possibile riconoscere alcune sezioni:

  • Overview: informazioni relative allo status del sito (attivo, non attivo), la platform (Operation Platform), il framework (Operational Framework, Control Framework, iFrames Analysis), informazioni sul dominio Whois (Current Server Time,

    Server Location, Alexa Country Rank).

  • View full analysis: il bottone dovrebbe rimandare a un report completo che include inoltre analisi dei 

    Meta Tags (Title, Description, Keywords), rilevanza degli Heading Tags

    Image Consistency, Words Consistency, www-Resolve Analysis, file robots.txt e disponibilità della 

    Sitemap, tipo di documento

    (doctype), tempo di risposta della pabgina, pagine indicizzate (Bing e Google), backlinks, statistiche relative al traffico e menzioni sui social (Facebook e Twitter).

La scheda di presentazione nel Web Chrome Store segnala queste possibilità straordinarie ed attribuisce all’applicazione una valutazione di 5/5. Ho riscontrato, tuttavia, che il caricamento della barra è molto lento e spesso non arriva a raccogliere i dati relativi al sito (in corrispondenza di ogni categoria il valore associato è n/a). Quando poi ho tentato di creare dei report completi, vengo sempre reindirizzato a una pagina che presenta il classico errore 404. Insomma, le intenzioni erano ottime e probabilmente l’applicazione nella primavera 2012 funzionava anche – dati i feedback positivi – tuttavia oggi si rivela un totale fiasco. La valuterei 1/5  nella speranza che venga sviluppata ulteriormente e realizzi il suo potenziale. Ad oggi è inutile installarla.

How to Use WordPress for a Better Online Social Presence [Infographic, Webfuse]

A few days ago,  Webfuse  published an interesting infographic to show how the online social presence could be improved linking a WordPress blog to Facebook and Twitter accounts.

There are several kind of blogs in WordPress:  Personal, Business, Schools, Non-profit, Politics, Private, Military, Sports, How-to, Tips and Review. In any case WordPress can provide some advantages thanks to its Dashboard (where it’s possible to manage layout and contents), Flexibility, Security, Widget and Plug-ins.

Moreover, WordPress makes the Search Engine Optimization possible adding tags to each post and keywords to pages, assigning content to categories and creating media titles and descriptions.

A Twitter Integration allows to spread the content more efficiently, while using Facebook you can let people to connect to your brand and products.

https://games4joke.files.wordpress.com/2013/04/online-social-presence-with-wordpress_516e2fb34de80.jpg

Farsi assumere con Twitter

In queste settimane di intensa ricerca di lavoro si tentano un po’ tutte le strade. Rispetto a qualche anno fa, i social media ricoprono ora un ruolo centrale – ma si tratta di affermazioni di circostanza. Sicuramente agli albori di Facebook ognuno di noi si è bruciato due o tre candidature per stage o lavori a causa di una foto fuori posto o di qualche impostazione della privacy fuori posto.

Oggi vogliamo provare a sottolineare le potenzialità di Twitter quale mezzo per la ricerca di lavoro. Bacheca ormai di annunci di lavoro, il social dei cinguettii ha rivoluzionato il modo di preparare ed esporre il proprio CV. Diversi siti e blog se ne sono occupati negli ultimi due anni: sul blog di Cliccalavoro si possono trovare pochi utili consigli per cominciare, mentre alcune applicazioni complementari sono state consigliate da IlSole24Ore e Fastweb. Il Wall Street Journal ha voluto invece sottolinearne le straordinarie potenzialità dedicando un ampio spazio al tema un paio di giorni fa.

Nell’articolo The New Résumé: It’s 140 Characters potete trovare diverse testimonianze di head hunter che spiegano in che modo stia rapidamente cambiando la loro professione e quella di chi – essendo sprovvisto – ne ricerca una.

La ricerca di un lavoro su Twitter può essere difficile, soprattutto perché unisce le dimensione privata e professionale di una persona in un unico profilo. Di seguito riporto alcuni suggerimenti raccolti da reclutatori, persone in cerca di lavoro e career experts, su come meglio sfruttare al meglio il social network:

  • Seguire le imprese – e, se possibile, anche i loro singoli Hiring Managers o i dipendenti – per le quali si desidera lavorare.
  • Ri-twittare e discutere con i responsabili delle assunzioni e dipendenti delle aziende di interesse. Se attualmente siete impiegati, è possibile inviare messaggi diretti ai datori di lavoro una volta stabilito un rapporto.
  • Usare il profilo per dire che stai cercando un lavoro. In questo modo sarà possibile provare nella prassi anche delle competente in materia di social media, sempre assicurandosi che la foto o i contenuti vi mettano in una luce positiva sotto il profilo professionale.
  • Non rinunciare tweet personali o spiritosi: gli Hiring Manager vogliono avere un’idea di come potreste comportarvi con i colleghi. Evitando tuttavia di essere inopportuni.
  • Usare hashtag in grado di mettervi in relazione con persone che condividono gli stessi interessi professionali e personali. A questo proposito, Mashable ha creato un video che spiega in maniera elementare come utilizzare al massimo della potenzialità questo strumento:
  • Non offendetevi se qualcuno non risponde al commento. Molte persone gettano solo un’occhiata a Twitter e non leggono con attenzione i messaggi degli altri o le interazioni.
  • Creare un curriculum di 140 caratteri, un breve riassunto descrive le tue abilità, quello che ti interessa e come un reclutatore potrebbe saperne di più. Prendere in considerazione anche la creazione di un video di Vine, video da sei secondi che permettono di mettere in evidenza le vostre abilità.

Tra le diverse applicazioni basate su Twitter, la più celebre è TwitJobSearch che permette di localizzare le offerte di lavoro che sono state registrare con un tweet. Per chi fosse curioso, a questo indirizzo trovate una lista di widget grazie ai quali è possibile arricchire il proprio sito internet.

[Ho un problema a inserire dei JavaScript all’interno dei miei post. Qualcuno ha idea di come risolvere i problemi di compatibilità di WordPress con alcuni applet Java?]

Petter Kverneng: quando la rete non ti manda in bianco…

Questa mattina al risveglio ho fatto un salto su http://www.4chan.org per trovare qualche distrazione dalla stesura della mia tesi e ho incontrato nella sezione random ( /b/ ) il messaggio di un giovane norvegese, Petter Kverneng, che richiedeva l’aiuto della rete per un’insolita iniziativa.

428123_10152413599715277_374994124_n
A quanto pare, la sua amica Cathrine Johansen ha promesso di divertirsi con lui qualora la foto in cui annunciava la sfida fosse arrivata ad un milione di likes su Facebook. In effetti, il risultato è stato conseguito nel giro di poche ore (più di 1 156 000 likes in meno di 18 ore) e, come la migliore delle favole dei fratelli Grimm, la vicenda sembra essere arrivata al tanto sperato lieto fine.

Sopravvivono a questo piacevole episodio che tutti dimenticheremo nel corso del prossimo quarto d’ora, due riflessioni generali:

  • Ancora una volta abbiamo assistito ad una manifestazione dello straordinario potere di mobilitazione delle comunità virtuali. Non si tratta sempre di azioni impegnate dalla rilevanza pubblica, ma alle volte si accordano semplicemente quei dieci minuti di celebrità che Warhol aveva messo in conto per chiunque.
  • Il buon Petter Kverneng non è il classico nerd che ricorre alla rete per dare una svolta alla propria vita sessuale. Sebbene il suo sito internet (http://kverneng.net/ ) non ci dia grandi indicazioni circa la sua professione, ma dal suo account di Twitter sembra di capire che si tratti di un organizzatore di eventi.

Allora complimenti Petter per la pubblicità che sei riuscito a creare attorno alla tua attività freelance e buona fortuna con quella biondina – sperando di non assistere ora a “1M” episodi di emulazione!

 

**** aggiornamento 18/01/2013 ore 19 ****

A riprova della ricaduta mediatica dell’iniziativa, Oasis – produttrice di succhi di frutta – ha fatto una parodia di questa iniziativa lanciando un nuovo messaggio pubblicitario: